CHI STIMA E AFFEZIONA










A Lenny e Sara, che ci sono

Quanto tempo è passato?
Quanti giorni importanti.
Quanti ancor di più son
quelli simili uguali.

Dimenticati nel momento
in cui non son più presente.
I giorni in cui speranza,
sorretta in vicinanza,
rinsalda mente e corpo
di due umani l'affetto.

Eppure son quelli che non si ricordano,
a definire le fondamenta dei templi
viventi, altari dell'Amore glorioso,
due esseri umani, fratelli per scelta.

Quanto tempo è passato?
Come posso ricordare
le remote primavere?
Quanto tempo è passato?

Guardo di fronte a me
e vedo l'acqua del mare.
Le coste in lontananza
risuonano di gabbiani,
un urlo che non m'è caro.
Mi significa mancanza,
non già approdo sicuro
bensì privazione, perdita.

Quanto tempo è passato?
Vent'anni, un noto furto.
Noto, giacché ladro mai.
Eppure un uomo fa,
se ama fa, accetta
l'alto rischio consapevole,
onde poter aiutare
chi stima e affeziona.

Tu, fratello per scelta, l'ultimo pensiero
libero della mia esistenza. Per te.
Ti dico addio. Tu solo che mi sei caro.
Tu. Da me eletto fratello per la vita.






Ti è piaciuta questa poesia? Ti ha suscitato qualche emozione? Qualche curiosità? Lascia un commento qui sotto.









Questa poesia fa parte di una raccolta di racconti intitolata "Piccole finestre aperte". Per ordinare la tua copia:

Commenti